Rumore di passi nei giardini imperiali.

E' l'ultimo libro pubblicato da Alberto Liguoro
Genere: Fantascienza

"..in un tempo indefinito e in luoghi indefiniti, in una nuova dimensione al di fuori del tempo e dello spazio, alcuni uomini e donne vivono una nuova Odissea."


martedì 26 gennaio 2010

IL BUSILLIS (dov'è l'inghippo?)

Scusate tanto, io so' paesano, ma se non ho capito male, il sindaco di Bologna, coi soldi nostri, si portava il suo pezzo di gnocca sbordellando in giro. Poi, scoperta la cofecchia, si dimette.
Dice Prodi: tipico esempio di persona dotata di grande senso di responsabilità.
Ora, la domanda è: CHE COSA SIGNIFICA?
So' cambiati i tempi? Una volta si sarebbe detto: tipico esempio di grandissimo figlio di zoccola.
Oppure... pure Prodi, sotto sotto... anche lui... coi soldi nostri... ? Sapete com'è... cane non morde cane (soprattutto quando paga Pantalone).
Chi risponderà in modo convincente al quiz otterrà l'iscrizione automatica al CLAN LILU, senza tatuaggio e parola d'ordine (--- ... ---).
Grazie

3 commenti:

  1. Bella sfida la tua! Io penso che, con riferimento a Prodi (che l'aveva sponsorizzato e non l'ha azzeccata), il privato e il pubblico viaggiano su due piani differenti che non si incrociano mai (come le rette parallele), che così non dovrebbe essere ma così è.
    Aggiungo che, figlio di zoccola a parte, alla fine si è dimesso o è stato costretto a farlo. Dall'altra parte più sono figli di zoccola e puttanieri e più sono ammirati! Quanto a dimettersi poi: scherzemo ciò!

    RispondiElimina
  2. Quindi le "convergenze parallele" di moriana memoria sono una bufala. Già si sapeva. Arriva conferma. Per il resto nulla di nuovo sotto il cielo. Ma 'sto cielo sarà prima o poi sereno sulle macerie imbellettate di questo nostro incredibile Paese (che poi, secondo me, sono il riflesso delle macerie imbellettate della nostra vita interiore)? Grazie. Ciao.

    RispondiElimina
  3. "Convergenze parallele"! Non me ne ricordavo più. Un ossimoro che testimonia il bizantinismo al quale doveva far ricorso anche Aldo Moro in un panorama politico ingessato a causa della c.d."cortina di ferro".
    Adesso che non ci sono più, va ancora peggio.
    Sia il cielo climatico mondiale che quello politico italiano il 'sereno variabile' se lo possono sognare!

    RispondiElimina