Rumore di passi nei giardini imperiali.

E' l'ultimo libro pubblicato da Alberto Liguoro
Genere: Fantascienza

"..in un tempo indefinito e in luoghi indefiniti, in una nuova dimensione al di fuori del tempo e dello spazio, alcuni uomini e donne vivono una nuova Odissea."


domenica 8 settembre 2013

MERCOLEDI' 8 Settembre 1943 - MERCOLEDI' 25 Aprile 1945


FRANCIA = 14 luglio

ITALIA = 25 aprile

Quello che per la Francia è la celebrazione e la grande festa del 14 LUGLIO 1789, deve essere e sarà per l’Italia, il 25 APRILE 1945; la giornata della “memoria condivisa”, come ha detto il professore e storico Guido D’Agostino, in occasione dell’incontro con la cittadinanza e con i giovani, organizzato, proprio per la ricorrenza, dall’Associazione “25 APRILE” di Nola. La strada è giusta, l’indicazione è quella, ma il percorso si sta appena svolgendo, è ancora tutto da compiere.

Il 25 aprile à una festa tutta italiana; non ci sono alleati qui, non ci sono francesi, polacchi, maghrebini, e così via.

La LIBERAZIONE dell’ITALIA è, con tutta evidenza, un concetto generale, al di là del dato storico della proclamazione ufficiale dell’insurrezione, da parte del Comitato di Liberazione Nazionale dell’Alta Italia.

Liberazione, prima di tutto dal Fascismo, che fu imposto in Italia, non con il confronto e l’affermazione delle idee, ma con manganellate, olio di ricino, arresti, minacce, ricatti; altrimenti mai il pacifico, agreste e faticatore popolo italiano lo avrebbe accettato;

Liberazione dalla guerra che mordeva e dilaniava l’Italia, vite, gioventù, ad opera dei Tedeschi e degli Alleati, da una parte e dall’altra, e dalla conseguente spaccatura dell’Italia in due o tre tronconi e la guerra civile tra figli della stessa Patria;

Liberazione dalla vergogna, dalle umiliazioni, gli stupri e le violenze che non ci furono risparmiate dagli Alleati stessi, il disprezzo e la diffidenza che fatti concreti, come la battaglia di Monte Lungo l’8 dicembre del ’43 e gli altri eroismi del rinato Esercito Italiano e le aspre e sanguinose lotte partigiane, non bastarono a riscattare; l’”americanizzazione” del Sud Italia con tutto quello che comportava in termini di perdita d’identità e di dignità (ricordate Kundera “L’insostenibile leggerezza dell’essere”? Dove a tutto questo, si preferisce addirittura il rientro nell’autenticità e la sofferenza del Regime Sovietico imposto);

Liberazione della Cultura, delle Arti, della Letteratura, in un Paese che usciva malconcio, ma era tutto da ricostruire, da rifondare, con tutte le ovvie e comprensibili contraddizioni e battute d’arresto, ma con l’opportunità di vivere davvero e di crescere, che prima non c’era perché soffocata, calpestata, ritenuta veleno e non forza, vigore, gioventù del Paese.

La Festa della Liberazione è, quindi, la FESTA di TUTTI gli ITALIANI, affratellati dalla Storia; dire che essa è la celebrazione della sconfitta dell’Italia è una grande menzogna e stupidità messa in giro artatamente dai “soliti” destrorsi, o ritenuta in buona fede tale, per ignoranza o insulsaggine.

Da questo bisogna uscire.

La Giornata della LIBERAZIONE, preceduta da un anno e mezzo di eccidi, stragi, massacri di civili, ritorsioni, vendette anche, dall’8 settembre del ’43 giorno della sciagurata e ottusa ufficializzazione, senza procedura e senza strategia, di quella che era, con ogni evidenza, una inevitabile resa dell’Italia agli Angloamericani, al 25 aprile del ’45, che precedeva di pochi mesi la totale fine delle ostilità, è, e non può che essere, una FESTA di canti, danze, sventolii della bandiera italiana, gioia popolare, come dovette essere allora. MA DOVE SONO?

 

LIBERAZIONE anche dall’inettitudine di una classe politica e dirigente perdente nell’animo, prima che sul campo, perché formata non sui criteri del lavoro, dell’attività, dell’espressione, maturati e affinati dal confronto, dalla dialettica, ma basati sull’adulazione di gerarchi e gerarchetti vari;

LIBERAZIONE anche dall’ambiguità che molto spesso contraddistingue noi Italiani, figlia, soggettivamente, dell’ambizione, dell’arrivismo, della paura di cadere in disgrazia, la cui cura non può essere altro che la cultura, l’incoraggiamento, la giusta prospettiva, che solo una Democrazia radicata, prospera, definitiva, può dare, non certo una Dittatura, e oggettivamente dell’incertezza che non è certo solo un male italiano, ma almeno bisogna vederlo, e qui c’entrano l’onestà intellettuale, la scelta dei buoni maestri, la volontà altruistica come insegnamento, la visione d’insieme delle cose, dei problemi, delle alleanze ecc.

QUESTO è stato, e di questo si tratta; ma tutto questo deve ANCORA AFFERMARSI con convinzione e sentimento schietto e diretto.

Il 25 Aprile è ancora GIOVANE (come, tra l’altro, la folta partecipazione di giovani alla celebrazione, nell’aula consiliare del Comune di Nola, conferma), altro che SUPERATO.

Una riprova di tutto ciò?

Prendiamo la SPAGNA:

il Franchismo non è stato come il Fascismo ma ci è stato molto vicino; si è forgiato, a sua volta nel bagno di sangue della Guerra Civile, e ha dato prova della sua virulenza, soprattutto nella fase finale della sua Storia, con l’applicazione assolutamente criminale della pena di morte.

Ebbene, è sopravvissuto 30 ANNI al Fascismo, e sono stati 30 anni di arretratezza e inconsistenza internazionale per la Spagna, che l’hanno portata sempre più lontano e ai margini rispetto agli altri Paesi Europei, pur considerando che la Spagna non ha subito gli ENORMI GUASTI bellici, materiali e morali dell’Italia.

Questo perché la Spagna non ha  avuto un suo 25 APRILE.

Quando poi a metà degli anni ’70 si è tolta dal groppone il peso oppressivo e marcescente di quella amministrazione, quella mentalità, quella visione della vita sociale che, per oltre 35 anni l’aveva ammorbata, ha avuto un boom, nel giro di un paio di decenni in tutti i campi, dall’economia, alla modernità delle leggi, alle arti, all’architettura, spettacoli, cinema, scienza, impresa, senza precedenti, che, pur rimanendo essa afflitta da problemi forse maggiori, rispetto ad altri Paesi, proprio per la sua storia pregressa, la colloca accanto alle altre Nazioni europee, in condizioni di sostanziale parità, per il che Francisco Franco che amava la sua povera gente, si rivolterà, probabilmente nella tomba.

Qui finisce questo mio breve intervento, ma non finisce l’impegno, e concludo con un ultimo messaggio: continuate così, con costanza e determinazione. Siate soprattutto voi giovani, perché questo Paese è soprattutto vostro, a non lasciar cadere il testimone; portatelo avanti e confrontatevi, rispondete a chi si attarda su vaghi elogi, non della Destra che, in ogni Paese Democratico c’è e, in un Sistema di Alternanza, contribuisce alla vita e al progresso dei cittadini, ma del Fascismo o simili Regimi.

Rispondete per le rime, con cura, con calma. La Ragione, alla fine, deve prevalere ed affermarsi.  

Alberto Pesce Liguoro

Nessun commento:

Posta un commento